Le filiere agro-alimentari tra innovazione e tradizione (2012-2013)

Progetto finanziato con il contributo del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. D.M. 2687/7303/12 del 03/02/2012. Attraverso una ricca integrazione di fonti statistiche la ricerca ha cercato di misurare il ruolo dell'agricoltura lungo la filiera dei prodotti alimentari e la sua evoluzione negli ultimi dieci anni, anche con confronti a livello europeo. Molti sono gli ambiti ai quali si è cercato di determinare le dimensioni. Solo per citarne alcuni: la struttura delle aziende agricole e agro-industriali, la loro produttività, la distribuzione del valore aggiunto lungo le filiere, la competitività internazionale, i canali commerciali. A questa visione quantitativa dell'agricoltura si è affiancata una visione più qualitativa, che accanto ai numeri guardasse alla realtà. Attraverso interviste in profondità a significative industrie della trasformazione alimentare, distribuite su tutto il territorio nazionale, si è cercato di dipingere un quadro inedito sulle filiere agroalimentari (in particolare su otto specifiche filiere che rappresentano il 70-80% dell'agroalimentare italiano). Il tratto che caratterizza la rappresentazione è quello di intendere la filiera come uno "spazio di relazioni" fra attori, che può essere variamente configurato in funzione dei prodotti, delle tecnologie, dei mercati da presidiare. La trattazione dei diversi casi aziendali indagati non conduce ad un unico modello di filiera (e ad un'idea meccanicistica di flussi di attività), al contrario fa capire come esista una varietà sorprendente di assetti, che sposta continuamente i confini della filiera (e con essi le possibili contaminazioni fra settori, compresi quelli delle tecnologie a supporto). E ammette la compresenza di filiere corte, distrettuali, globali o addirittura "glocali", fuori anche qui da approcci troppo radicalmente unilaterali. Nell'insieme la ricerca propone di dare un'analisi critica della realtà marcando tanto i "pieni" quanto i "vuoti", le buone pratiche come le situazioni incompiute e migliorabili. Molteplici sono gli spunti che possono essere tratti dal presente lavoro per definire politiche per lo sviluppo delle filiere agroalimentari e dell'imprenditoria di filiera, anche andando oltre, con coraggio, il comune sentire in tema di agricoltura e agroindustria. Parte della ricerca è stata presentata nel volume "Ritornare all'economia reale: la centralità delle filiere agroalimentari. Fra territori e mercati globali, tra tradizione e innovazione" edito da Donzelli nel 2014.

Responsabile del gruppo di ricerca
Responsabile: 
Paolo Feltrin

Info

Ultimo aggiornamento: 17-08-2018 - 20:50