Stage e tirocini

PANORAMICA SUI TIROCINI DI STAGE E ORIENTAMENTO

 

CHE DIFFERENZA C’È TRA TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRA CURRICULARE?

 

  • I tirocini extra-curriculari o non curriculari sono definiti di inserimento lavorativo e non hanno quindi un collegamento con il periodo universitario, coinvolgono tipicamente i laureati.  Per l’università’ di Trieste sono gestiti dallo Sportello Lavoro https://www2.units.it/sportellolavoro/

 

  • Il tirocinio curriculare è un percorso “formativo-professionale” che si svolge durante il periodo di studio e rientra in un piano di studi universitario. I tirocini curriculari sono gestiti dai Dipartimenti ed è a questi a cui si riferisce la presente pagina informativa. 

I TIROCINI CURRICULARI IN PRESENZA FISCIA SONO ATTUALMENTE SOSPESI CAUSA EMERGENZA COVID-19, SONO TUTTAVIA PERMESSI I TIROCINI IN MODALITA' TELEMATICA O SMART WORKING.

 

I tirocini formativi curriculari e di orientamento (comunemente denominati stage) sono uno strumento formativo previsto dalla normativa italiana e sono rivolti in particolare a chi sta per uscire dal proprio percorso di studi. Lo stage consiste in un’esperienza di lavoro a fini formativi effettuata verso la fine del corso di studi. Lo stagista viene inserito in un’azienda in forma strutturata e continuativa, per un periodo che può durare fino a 12 mesi. Va rimarcato che le finalità formative escludono che lo stage si configuri come un rapporto di lavoro. L’obiettivo principale è quindi quello di affinare, completare, valorizzare le competenze maturate durante il percorso universitario, attraverso la loro applicazione in un concreto contesto di lavoro. Dal punto di vista formativo, gli stage aziendali si propongono quindi di far crescere le competenze, intese come abilità, come capacità di svolgere determinati compiti, di risolvere problemi, di ottenere risultati operativi, ricorrendo al bagaglio di conoscenze teoriche e tecniche maturate durante gli studi.



PERCHE' SVOLGERE UNO STAGE


In prima istanza va considerato il fatto che l’esperienza di stage costituisce titolo per la maturazione di crediti formativi. A prescindere da tale funzione prettamente curriculare, l’utilizzo degli stage aziendali da parte degli studenti universitari può rispondere a logiche o strategie più orientate all’inserimento nel mercato del lavoro. In termini molto schematici e generali, se ne possono individuare cinque principali, che naturalmente si possono anche combinare tra loro:

- lo stage aziendale costituisce un’occasione per valutare e soppesare le proprie aspirazioni ed attitudini attraverso un’esperienza lavorativa diretta. Esso permette di accrescere la consapevolezza di sé in chiave professionale. Costituisce pertanto un importante veicolo di orientamento, utile soprattutto quando non si hanno idee chiare rispetto alle proprie aspirazioni lavorative;
- lo stage aziendale riveste una certa utilità anche per chi, invece, ha le idee abbastanza chiare circa le proprie aspirazioni professionali. In questo caso una buona esperienza di stage costituisce un’occasione molto importante per affinare ed arricchire il proprio bagaglio di competenze, soprattutto sul fronte delle abilità operative. Avendo alle spalle uno stage ci si predispone all’inserimento nel mondo del lavoro con maggiore incisività e con qualche arma in più rispetto a chi può vantare il solo titolo di studio;
- una possibile ulteriore logica di utilizzo dello stage è rappresentata dallo svolgimento dello stesso in collegamento alla tesi di laurea ed in funzione della stessa. Nella misura in cui lo studio della tesi verte su un aspetto specifico, oppure su un specifico contesto o organizzazione, lo stage aziendale può rappresentare un’importante occasione per conoscere in prima persona la realtà esaminata. In tal modo risulta possibile recuperare di dati, informazioni, conoscenze di prima mano e di qualità tale da consentire l’effettuazione di approfonditi studi di caso;
- lo stage può essere concepito anche come un efficace “chiave” per avvicinarsi alle imprese. Soprattutto per chi è in possesso di una laurea non immediatamente richiesta dalle imprese e facilmente spendibile nel mercato del lavoro, il proporsi non per una immediata assunzione, ma per l’effettuazione di un periodo di stage aumenta le probabilità di una risposta affermativa. Infatti le imprese possono, senza sostanziali vincoli o costi, prendere in considerazione l’eventuale inserimento definitivo dello stagista, valutando direttamente le sue capacità e potenzialità;
- infine, l’effettuazione dello stage offre allo stagista l’opportunità di allacciare numerose relazioni rilevanti dal punto di vista professionale, interne ed esterne all’azienda ospitante, di natura formale ed informale. È possibile in tal modo costituire una sorta di “capitale relazionale” che, se adeguatamente sfruttato, può essere utilmente speso nel percorso di inserimento del mercato del lavoro, anche quando lo sbocco non è rappresentato dalla stessa impresa ospitante.

 

DIRITTI E DOVERI


Lo stagista si trova in un regime di regole non molto dissimili da quelle di un qualsiasi lavoratore. Deve rispettare quindi quanto previsto nel progetto di stage, a cominciare dall’orario di presenza sul luogo di lavoro. In aggiunta è tenuto a rispettare i regolamenti aziendali, le norme in materia di igiene, sicurezza e salute, le norme in materia di riservatezza. Lo stagista è coperto da un punto di vista assicurativo (a carico dell’Università) sia per gli infortuni in cui dovesse incorrere nel corso del proprio lavoro (Inail), sia per eventuali danni che dovesse arrecare a terzi (responsabilità civile). Non trattandosi di un rapporto di lavoro, ma di un’esperienza formativa, lo stage viene di norma effettuato a titolo gratuito. Non sono rare tuttavia le aziende che prevedono dei sostegni economici, ad esempio in forma di rimborso spese.

 

MODULISTICA E ISTRUZIONI D'USO

 

 

PROCEDURE PER L'ATTIVAZIONE DELLO STAGE


Uno studente universitario può in qualsiasi momento del proprio percorso effettuare uno stage.

Le modalità per trovare un tirocinio sono le seguenti:

  • Aderire alle richieste o disponibilita' eventualmente pubblicate sulla pagina degli Avvisi del Dipartimento
  • Consultare l’elenco degli enti convenzionati e verificare la disponibilità degli stessi ad ospitare nuovi tirocinanti
  • Reperire autonomamente l’ente ospitante e poi seguire le indicazioni "DOCUMENTI PER INIZIARE"

 

Affinché si possa attivare uno stage vi deve essere una convenzione quadro tra l’azienda ospitante e l’Università. Sulla base di tale convenzione, viene redatto uno specifico progetto formativo nel quale viene specificata la durata, la sede di svolgimento, l’orario di presenza sul luogo di lavoro, gli obiettivi formativi, gli ambiti organizzativi e le modalità di impiego dello/a stagista, i nominativi dei due tutor, indicati rispettivamente dall’azienda ospitante e dall’ente promotore (Università).

 

Sia la convenzione che il progetto di stage debbono essere redatte servendosi di apposita modulistica

 

TERMINI PER LA PRESENTAZIONE E LA DECORRENZA DEI PROGETTI DI STAGE 

Si informa che tra la consegna del progetto di stage e l'avvio dello stage stesso devono trascorrere almeno 15 giorni lavorativi.

DOCUMENTI PER INIZIARE

La procedura di attivazione di uno stage prevede 2 documenti:

1.       LA CONVENZIONE: è un documento attraverso il quale l’Università e l’Ente che ospita gli stage si impegnano ad accogliere presso le sue strutture dell’Ente ospitante soggetti in tirocinio di formazione ed orientamento. La convenzione vale per tutti gli studenti dell’Università di Trieste che l’Ente ospitante vorrà ospitare, nel tempo della durata della Convenzione.

Gli studenti che intendano dare avvio ad un tirocinio devono prioritariamente verificare l’esistenza o meno della Convenzione, nel caso di dubbi è possibile scrivere al Dipartimento. Nel caso non vi sia in essere una convenzione è necessario informarsi presso il Dipartimento per riceve le indicazioni sulla stipula della Convenzione.

2.       IL PROGETTO FORMATIVO: coincide con il progetto del tirocinio di formazione ed orientamento e contiene dati relativi allo/a stagista ed allo stage (periodo, orari, sede, contenuti, ecc.).

Contiene altresì i riferimenti alle polizze assicurative che coprono gli infortuni e la responsabilità civile verso terzi. Per quanto riguarda la compilazione, si tenga presente nella sezione “obiettivi e modalità del tirocinio” (nel secondo modulo) devono essere sinteticamente indicati gli obiettivi formativi del tirocinio (ovvero le competenze che lo/la stagista potrà maturare), nonché le principali attività che lo/la stagista sarà chiamato a svolgere. Nella sezione “facilitazioni previste” vanno indicate le facilitazioni che l’ente ospitante intende eventualmente concedere: ad esempio, una borsa di studio, un rimborso spese o l’accesso alla mensa aziendale. Per quanto riguarda la data di avvio dello stage si suggerisce di indicare una data che sia compatibile con i tempi tecnici necessari per la trasmissione dei documenti.

 Progetto Formativo.doc

 

DURANTE IL PERCORSO: registro delle presenze  

Il documento potrà essere utilizzato per la registrazione quotidiana delle presenze dello/la stagista. La sua compilazione è obbligatoria nei casi in cui venga richiesto il riconoscimento dei “Crediti per attività formative e per attività di relazione” ed è consigliabile ogni qualvolta lo/la stagista voglia certificare a soggetti esterni l’effettuazione del tirocinio.

Registro Presenze.doc
 
DURANTE IL PERCORSO: richiesta di proroga stage  

Nel caso in cui stagista ed organizzazione ospitante decidano di comune accordo di prorogare il termine dello stage, è necessario che l'azienda ospitante compili e sottoscriva il documento di richiesta di proroga. Il modulo debitamente compilato e firmato (anche dal tirocinante per accettazione), va recapitato alla segreteria di Dipartimento. Il Dipartimento, a sua volta, apporrà la propria firma sul documento e provvederà ad inviarne una copia all'ente ospitante.

Proroga Tirocinio.doc

DURANTE IL PERCORSO: comunicazione interruzione stage  

Nel caso in cui per qualsiasi motivo lo stage venga interrotto prima della scadenza indicata nel progetto lo stagista o l’ente ospitante sono tenuti a comunicarlo al Dipartimento.

Interruzione Tirocinio.doc

AL TERMINE DELLO STAGE: Attestato stage  

Una volta portato a termine lo stage, l’ente ospitante attesta l’effettuazione dello stage utilizzando il documento allegato. Si richiede di utilizzare, se possibile, la carta intestata dell’organizzazione e di apporre in calce il timbro dell’organizzazione stessa. L’attestazione viene consegnata allo/la stagista, che ne detiene l’originale. Tale documento potrà essere utilizzato dallo/dalla stagista, in primo luogo, nel caso in cui egli/ella chieda il riconoscimento dei “Crediti per attività formative e per attività di relazione”, come allegato alla domanda (unitamente al registro delle presenze). Inoltre potrà essere utilizzato come documento di certificazione delle esperienze e competenze acquisite da esibire ai futuri potenziali datori di lavoro. Pertanto, la presentazione di questo documento è obbligatoria solo nel caso in cui lo/la stagista intenda chiedere all'Università il riconoscimento dei crediti formativi. In tutti gli altri casi l'attestato non va consegnato all'università, ma rimane al/la tirocinante.

Alla fine dello stage il tirocinante e' tenuto a far compilare all'ente ospitante il questionario di valutazione da consegnare alla Segreteria di Dipartimento.

Attestato tirocinio.docx

Questionario Valutazione.doc

PER TUTTE LE COMUNICAZIONIUTILIZZARE L’INDIRIZZO tirocini@dispes.units.it

 

Ultimo aggiornamento: 29-06-2020 - 10:01


P.le Europa 1, 34127 Trieste
Lun-Ven 10-14
Tel. +39-040-558.2995
E-mail: info@dispes.units.it

 

Lo Sportello Studenti offre servizi di reperimento programmi d'esame, informazioni su orari e svolgimento delle lezioni, informazioni sull'orario di ricevimento degli insegnanti, materiale informativo sul Dipartimento, dispense delle lezioni, modulistica per i lavoratori ... ed altro ancora.